Gli SCANNERS di FILM TV

Lunedì 24 aprile e martedì 25 aprile alle 12:00 – Nuovo Teatro delle Commedie Gli SCANNERS di FILM TV

Oltre ad essere il titolo del celebre film di David Cronenberg, Scanners è una storica rubrica del settimanale FilmTv che si occupa di presentare sulle proprie pagine alcuni film che sono rimasti inediti in sala oppure lavori che hanno girato per grandi festival senza ottenere una distribuzione capillare. Quest’anno il FIPILI Horror Festival, con l’importante presenza di Claudio Bartolini (FilmTv, Nocturno, Bietti) che avrà il compito di introdurre i film, ha denominato una sezione del festival “Gli Scanners di FilmTv”. Questa mini-rassegna sarà composta di due film che hanno come filo conduttore il tributo di nuovi cineasti internazionali al cinema thriller e horror italiano degli anni ’70.

Lunedì 24 aprile, alle ore 12:00 al Nuovo Teatro delle Commedie, sarà proiettato “The Editor” di Matthew Kennedy e Adam Brooks, 2014. Dalle dirette parole dei registi capiamo che The Editor «è la nostra lettera d’amore per i thriller italiani degli anni Settanta e Ottanta […]. Gran parte di questi film erano scritti in italiano ma recitati in inglese, ambientati negli Stati Uniti ma girati in Italia, in modo da risultare interessanti a un mercato il più vasto possibile. Di conseguenza la sintassi era spesso insolita, così come il modo di parlare e recitare degli attori anglofoni: elementi importanti per l’estetica del thriller quasi quanto le atmosfere oniriche, la violenza esagerata e le frequenti zoomate. Siamo partiti proprio da questa estetica, che ci ha come stregati, perché nei “gialli” lo stile è il contenuto».

Martedì 25 aprile, nella stessa location e alla stessa ora, sarà la volta di “Francesca” di Luciano e Nicolas Onetti, 2015. Un film che omaggia non solo il giallo italiano ma anche il nostro paese. Lasciando parlare anche qui gli autori si capisce che “Francesca” «è un giallo a tutti gli effetti. È difficile parlare di influenze oppure di omaggi, perché sono parole molto ampie per un genere così speciale. La nostra idea non è stata quella di far rivivere il giallo ma di dare un seguito a quella linea temporale ormai paralizzata. Infatti possiamo dire che Francesca è un film influenzato dal giallo, anche se lo considero un film giallo in tutti i sensi. Non è sperimentale e non appartiene al nuovo giallo perché, tutto quello che oggi è chiamato nuovo, è una tendenza che cerca di rivivere qualcosa di tradizionale, sotto l’influenza di diversi generi, ottenendo un prodotto apparentemente nuovo ma che è frutto di una miscela»

 

2017-04-15T19:38:12+00:00 aprile 15th, 2017|0 Commenti